26 settembre 2013

Piazza del Popolo

Piazza del Popolo all'ingresso da Piazzale Flaminio
Piazza del Popolo all'ingresso da Piazzale Flaminio
Se vi ricordate il post sul Muro Torto, sapete bene oramai come ci sia più di un motivo per cui quel muro delinei da secoli e secoli una zona  considerata maledetta. Eppure in quel post ho volutamente omesso l'ennesima causa della cattiva fama della zona...forse addirittura la causa principale! Ma avevo bisogno di spostarmi nella meta di oggi: Piazza del Popolo (vedi foto)!

Piazza del Popolo non è certo un luogo nascosto di Roma, è una piazza frequentatissima che tutti i romani conoscono, anzi la sua forma ad anfiteatro la rende ben adatta a manifestazioni che necessitano visibilità e buona acustica. E' anche una piazza ben collegata: è un accesso al centro di Roma per chi proviene da nord o dal Muro Torto, ed è alla confluenza di tre grandi ed importanti vie, che costituiscono il famoso "tridente romano": via del Corso (di cui abbiamo già parlato), via del Babuino e via di Ripetta (di cui parleremo in futuro).

Queste caratteristiche scenografiche e di importanza viaria resero Piazza del Popolo, fino alla seconda metà dell'ottocento, sede preferenziale di uno "show" molto apprezzato dai romani: le esecuzioni di condanne a morte!

Bisogna dire infatti che a Roma le esecuzioni capitali erano assai frequenti, e volutamente spettacolari: alla "classica " impiccaggione si affiancavano la decapitazione (con accetta o ghigliottina), la condanna ad essere arsi vivi (per gli eretici), fino allo squartamento e alla morte a colpi di mazza. Il tutto veniva sempre eseguito in zone ben visibili e frequentate, come appunto qui a Piazza del Popolo.

La targa su Targhini e Montanari
La targa su Targhini e Montanari
Ma perchè questa "spettacolarizzazione" dell'esecuzione? Beh, certamente c'era un intento "educativo": si racconta ad esempio come fosse in uso che il "buon" genitore portasse con sè un figlio ad assistere all'esecuzione, e che nel momento "clou", quello della morte del condannato, lo schiaffeggiasse, proprio per lasciargli impresso il concetto "ecco la fine che farai se non righerai diritto".
Bisogna tuttavia considerare che con il tempo prese ad affermarsi il lugubre e morboso interesse, diremmo oggi, per il genere "splatter", per cui assistere ad un'esecuzione capitale divenne (incredibile ma vero) un vero momento di festa per il popolo romano. Di queste esecuzioni troviamo oggi una piccola testimonianza nella targa (vedi foto) affissa qui, che ne ricorda una.

Già essere sede di esecuzioni capitali di per sè sarebbe coerente con la lugubre vicinanza con il Muro Torto, ma in realtà in questa piazza c'è dell'altro, ed è legato con l'origine dell'antica chiesa che sorge qui, accanto alla Porta del Popolo. Ma facciamo un passo indietro nel tempo.

Al tempo di Nerone Piazza del Popolo non esisteva, ma c'era al suo posto un semplice bosco di pioppi, e all'interno di questo bosco risiedeva un secolare albero di noce. Nerone, macchiatosi in vita di orrendi delitti, non ultimo la persecuzione dei cristiani, era tradizionalmente considerato dai più religiosi come una sorta di diavolo in terra. Alla sua morte il suo corpo venne fatto seppellire in questo bosco di pioppi, proprio sotto il suddetto albero di noce.
Ma si narra che la sua tomba fosse un luogo funesto, tanto da rendere maledetto il bosco e la zona circostante (Muro Torto compreso), mentre l'albero di noce, perennemente sorvolato dai corvi, divenisse la sede di sabba infernali, e luogo di incontro di anime dannate, streghe e negromanti.
Intorno al 1100 il disagio della popolazione romana per questa sorta di bosco infernale divenne intollerabile, e si chiese un intervento di "esorcizzazione" della zona da parte del papa di allora, Pasquale II. Papa Pasquale eseguì l'esorcismo: dissotterrò lo scheletro di Nerone da sotto il noce, e lo bruciò, insieme a tutto l'albero, disperdendone successivamente le ceneri nel Tevere. Inoltre, dove risiedeva la tomba, fece piantare una piccola cappella sacra. Questo drastico intervento ebbe l'effetto sperato, bonificando l'area dagli influssi diabolici.

Eppure tutto questo racconto, che ci appare come una surreale favola, ha lasciato delle tracce "segrete" in questo luogo.

I bassorilievi sotto l'altare
I bassorilievi sotto l'altare
La prima traccia è il nome stesso della piazza: c'è chi dice che derivi dal fatto che la basilica di Santa Maria del Popolo sia stata voluta e finanziata "dal popolo", proprio per debellare l'influenza nefasta dello spirito di Nerone...ma il motivo forse è addirittura un altro, cioè proprio il bosco di pioppi che circondava la tomba di Nerone! Infatti in latino "pioppo" si dice "populus"! Quindi, in realtà piazza del Popolo è la piazza "dei pioppi"!

Inoltre, la parte più antica della basilica di Santa Maria del Popolo è la zona dell'altare: qui risiedeva l'antica cappella sacra sopra il noce maledetto, che poi fu il primo nucleo della chiesa. Infatti entrate dentro, e andate proprio presso l'altare, quindi guardate in alto, sui bassorilievi dorati sotto la volta: viene descritta la leggenda che vi ho narrato, come in un fumetto!

Vedrete streghe danzare intorno ad un albero, un papa con una zappa in mano, una buca con dentro uno scheletro...(vedi foto).

Sono immagini davvero originali, che ai più apparirebbero senza senso...ma ora non per voi.

Piazza del Popolo è qui.

3 commenti :

  1. balle!
    nerone fece fuori le sette sataniche(che vennero a roma dopo la distruzione di Israele) che si definivano cristiane ma a cui tutti i veri gnostici cristiani si opposero perchè invece praticano riti sacrificali proprio sul colle vaticano,non per nulla uno dei primi papi fu ucciso dall'imperatore..

    nerone perseguitò giustamente questa setta dedita ai sacrifici umani e per questo la chiesa cattolica che si mise a capo di questa setta copri' di ignominina questo sommo imperatore che aveva osato sterminarli e fu unodei più adorati dal popolo che quindi facevano pellegrinaggi alla sua tomba proprio il piazza del popolo...
    fu questo a determinare detestazione da parte del clero e dei ricchi vicini al clero che ne chiesero la rimozione ...
    addirittura si creò una falsa ''tomba di Nerone'' sulla Cassia..proprio per depistare li i migliaia di adoratori di questo sommo re..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dove vivi ma il tuo incipit ("balle") denota un tono assolutamente fuori luogo qui ed è veramente ingiustificabile.
      Detto ciò, ti ringrazio comunque per le idee espresse nel tuo commento, che mi consentono di specificare alcune cose: in primis, le leggende hanno delle radici nella storia e ci consentono di avere una visione diversa e originale, stratificata dai secoli e dalla tradizione, hanno effetti sulla realtà ma ovviamente non hanno assolutamente la pretesa di essere fatti storici! La seconda cosa, nel caso specifico: gli storici sono abbastanza concordi sul fatto che la figura di Nerone nei secoli sia stata molto peggiorata, già dai sui contemporanei, e molti studi odierni persino la rivalutano come una sorta di principe rinascimentale. Lungi da me prendere una posizione su questo, spetta agli storici. Ovviamente però ciò che conta qui nella leggenda è "l'influenza nefasta dello spirito di Nerone" sul luogo, quindi la sua figura come veniva ricordata dal popolo secondo la tradizione, non la sua effettiva figura storica. E la tradizione (ma anche Tacito e Svetonio) ci dice che, successivamente all'incendio di Roma, si macchiò dell'omicidio di centinaia di cristiani (tra cui anche San Pietro e San Paolo).
      Ciao
      Alessio

      Elimina
    2. In realtà accadde l'esatto contrario, Nerone fu amatissimo dal popolo e non perseguitò i cristiani, ma solo degli incendiari, spesso rei confessi, che erano anche cristiani e un po' fanatici del sacro fuoco purificatore (che continuò a bruciare per secoli eretici, streghe e filosofi). Tanto amato che nel XII secolo Papa Pasqale II, proprio per evitare l'omaggio del popolo sulla tomba dell'imperatore - che ancora proseguiva dopo più di mille anni - fece demolire il mausoleo, costruendo al suo posto una cappella che poi divenne la Chiesa di S.Maria del Popolo, presso l'odierna Piazza del Popolo. Poi, evidentemente, a cose fatte si inventò ad arte la storia delle streghe e dei negromanti..ovviamente destinati al fuoco dei roghi in numero molto maggiore di quelli fatti giustiziare da Nerone. Poi se volete un po' di filologia storica seria leggete il libro di Pascal eccovelo gratis on line: https://ia801406.us.archive.org/15/items/4737806/4737806.pdf
      Ciao
      Carlo

      Elimina