22 settembre 2016

La mappa di Nolli

L'inclinazione di via Calatafimi
Guardiamo un tracciato stradale di Roma, ad esempio la zona di via Calatafimi, nel tratto vicino via Montebello (vedi foto mappa).
Questa zona, il cui sviluppo urbanistico è relativamente recente, ha quasi ovunque strade parallele e ortogonali fra loro, eppure improvvisamente troviamo questi due palazzi "tagliati" in diagonale! Perchè?
Questa, ed infinite altre risposte su Roma, le troveremo alla fine di questo post...ma bando alle chiacchere e facciamo il nostro solito passo indietro!

Siamo nel pieno del 1700, ma all'importanza geografica, militare ed al notevole sviluppo artistico ed urbanistico di Roma ancora non fa riscontro la presenza di una mappa della città reale, dettagliata e redatta in italiano. Di questa grave carenza se ne accorge Giovanni Battista Nolli, uno dei più grandi geometri del suo tempo, il quale si fa carico, dal 1736, di redigere una mappa nuova, completa ed incredibilmente precisa.

Vorrei far notare che a quell'epoca non erano disponibili molti degli strumenti tecnici per i rilievi di precisione che abbiamo oggi, come pure erano ovviamente assenti immagini di Roma riprese dall'alto! Il lavoro di Nolli e della sua ristretta equipe di collaboratori si presenta quindi come un lavoro complesso tecnicamente e veramente titanico per dimensione dell'area da sottoporre a misura. Inoltre esistevano a Roma anche altri impedimenti di natura più "pratica": dopo i primi mesi, il lavoro infatti può proseguire grazie all'ottenimento di un "lasciapassare" cardinalizio, tale da consentire al cartografo di potersi muovere dentro la città senza impedimenti (ad esempio per entrare anche nei conventi di clausura).

La "Nuova Pianta di Roma" di G. Nolli (1748)
L'immane lavoro di Nolli dura alcuni anni ed il risultato, presentato nel 1748, lo consegna alla storia: la "Nuova Pianta di Roma", costituita fra l'altro da 12 dettagliatissime tavole e da una legenda, "fotografano" tutta la città perfettamente come appariva a quel tempo all'interno delle mura aureliane, con i suoi rioni ma anche con le strade, le antiche rovine e le divisioni delle varie proprietà. Inutile dirvi quanto sia stata, ed è ancora oggi, di grandissima utilità questa mappa, per i cartografi, gli archeologi, gli storici, gli studiosi di urbanistica...e i cacciatori di curiosità come noi!
La qualità dell'opera di Nolli, nel suo settore e per quell'epoca, è qualcosa che ha pochi rivali al mondo, ed ha infatti rappresentato, per molte decadi, lo 'standard' qualitativo nelle topografie.

L'idea che ho avuto io è stata quella di "riproiettare" la mappa antica sui sistemi di coordinate attuali, riadattando per gli antichi fogli quelle procedure che conosco per mestiere e che sono tipiche nelle elaborazioni moderne delle immagini satellitari. Attraverso questo lavoro ho reso possibile una cosa molto importante: la sovrapposizione della mappa di Nolli con le mappe attuali, come quelle di Google Maps o di OpenStreetMap! Attraverso un insieme di controlli, sul pc, è ora possibile muoversi nella mappa in modo interattivo, zoomare, gestire la trasparenza della mappa antica sopra le mappe moderne, il tutto visualizzando la legenda originale. Un risultato simile era stato già realizzato dall'università dell'Oregon, anche se con diverse tecnologie informatiche. La mia realizzazione della mappa di Nolli interattiva è cortesemente ospitata da B-Open Solutions.

Infinite sono le risposte che emergono dall'analisi della mappa interattiva: ad esempio comprendere cosa è rimasto esattamente uguale al 1748, oppure comprendere la collocazione precisa di un'infinità di cose che non ci sono più, come ad esempio gli antichi porti sul Tevere. Tra le mille applicazioni interessanti, ho trovato anche divertente comprendere l'orientamento "stravagante" di alcuni palazzi tuttora esistenti, come quelli che ho citato di via Calatafimi, che non seguono nel loro profilo il tracciato delle strade attuali ma che invece risultano perfettamente coerenti rispetto alle strade antiche!

Oggi, più di ieri, posso dire che Nolli è stato incredibilmente preciso...ma spetta a voi il giudizio finale.

La mappa interattiva di Nolli è qui.

P.S: Sono molto fiero di aver avuto questa idea, e di renderla fruibile a tutti gratuitamente. Ringrazio i miei colleghi della B-Open Solutions di Roma per il supporto e la competenza tecnica.

10 commenti :

  1. E noi ringraziamo te per questo ennesimo regalo!
    Sempre preciso e interessante senza mai annoiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono i commenti come il tuo che mi danno la carica :-) Forse la cosa noiosa è dover aspettare parecchio fra un post e l'altro...ma questo lavoro è stato abbastanza lungo, spero dopo di questo di riuscire a riprendere a pubblicare post con maggior frequenza!
      Alessio

      Elimina
  2. Un altro esempio carino è quello della Chiesa di San Vitale, che si trova su via Nazionale di fianco al Palazzo delle Esposizioni: oggi è molti metri sotto il livello stradale e orientata diversamente da via Nazionale, ma all'epoca di Nolli davanti ad essa correva una lunga via, detta appunto Strada di San Vitale, di cui restano solo l'inizio (l'omonima via di San Vitale, dove ha sede la Questura) e la fine (ora vicolo dei Serpenti), separate proprio da via Nazionale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, bravo! Il tuo esempio è notevolmente più bello di via Calatafimi! Ciao :-)
      Alessio

      Elimina
  3. Eccellente lavoro e splendida idea! Favoloso poter raffrontare a distanza di secoli la piantina! Bravissimo!

    RispondiElimina
  4. grazie per il tuo lavoro, sei molto bravo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marinella...ce la metto tutta :-)
      Alessio

      Elimina
  5. E' un bel lavoro, e sicuramente stato tanto impegnativo, e lo possono capire poche persone come me perché ho fatto lo stesso qualche anno fa, il risultato è un app per iPhone e iPad: http://nolli-app.com/index-it.html
    Anche questa versione è pratticamente un regalo, seppur chiedo un piccolo contributo alle spese (in totale sono stati tanti mesi per elaborare tutti i dati, produrre le grafiche e programmare e testare l'app).
    Oltre alle possibilità della versione presentata qui, la versione per iOS consente di usare la mappa in mobilità per navigare, cercare punti di interesse per nome, passare da uno dei due indici (alfabetico per categoria o numerico per Rione) al punto della mappa, selezionare e memorizzare più punti in contemporaneo, ecc. Penso di osservare anche un'accuratezza spaziale leggermente superiore della versione iPhone, ma probabilmente non importa molto alla maggior parte degli utenti...
    In ogni caso faccio i miei complimenti al lavoro pubblicato qui, non ci possono essere troppe di versioni del Nolli ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Martin,
      grazie del tuo commento (e anche del tuo supporto).
      Da poco ho scoperto la tua app, che consiglio a tutti i miei lettori, che include molte funzionalità assenti nella mia versione e ad un prezzo davvero molto contenuto. In particolare la tua app consente di visualizzare la mappa sui dispositivi mobili, cosa molto comoda per chi gira per Roma, mentre la mia mappa è ottimizzata per la navigazione da PC fisso.
      Un caro saluto e complimenti anche a te!
      Alessio

      Elimina